top of page

INFOMINDS Novità

E-commerce: da opportunità a necessità

Il 2020 ha segnato l'inizio della digitalizzazione di migliaia di imprese e con essa la comparsa di nuovi acquirenti online. Questo fenomeno è continuato nel 2021 e continuerà anche nel 2022.



La terza era dell'e-commerce

La pandemia ha cambiato nuovamente il volto al settore del commercio, rendendo ancora più omnicanale l’esperienza di acquisto del consumatore. Il consumatore, infatti, è sempre più orientato verso la preferenza per un sistema misto, digitale e fisico. I clienti sono alla ricerca di esperienze ibride e fluide come mai prima, e la motivazione principale è che sono cambiati gli stili di vita.

Durante il dibattito del quinto appuntamento di Wired Trends 2022, si è affermato che le aziende dovrebbero ora indirizzare il proprio business verso l’interconnessione, perché solo una reale omnicanalità permette al consumatore di vivere a pieno la nuova modalità di acquisto, dove non c’è più distinzione tra il fisico e il digitale, ma le due componenti convivono, pur mantenendo ruoli distinti.

Il direttore dell'Osservatorio innovazione digitale nel retail e Osservatorio e-commerce B2C del Politecnico di Milano, Valentina Pontiggia, ha dichiarato che dal 2019 al 2021 gli acquisti degli italiani fatti online sono cresciuti da 31 miliardi di euro a 39,4 miliardi. Di questi, l’aumento più significativo si è registrato nei prodotti, che sono passati da 18 miliardi di euro a 30,5 miliardi. Le previsioni per il futuro mostrano che i cambiamenti che si sono verificati in quest’ultimo periodo sono destinati a rimanere e a proseguire, perché l’approccio del consumatore è cambiato e con lui anche l’atteggiamento delle aziende, con investimenti molto consistenti in questo senso.

Affinché si possa stare al passo e non lasciarsi sovrastare da questo fenomeno, è necessario che chi vende si sappia adattare a un cambiamento inevitabile e molto rapido, perché i clienti oggi pretendono di avere gli stessi servizi, che essi provengano da un acquisto online o da uno offline. Questo implica una trasformazione a capo delle aziende, che permetta loro di allinearsi a questa aspettativa di esperienza che il consumatore esige. Questa trasformazione avviene investendo da un lato in tecnologia e dall’altro attuando un cambiamento molto forte e determinante in termini di competenze, organizzazione e processi evolutivi.

A seguito della chiusura temporanea di molte attività commerciali, tante imprese si sono trovate nella condizione di poter (e dovere) avviare un proprio e-commerce. Allo stesso tempo, le persone hanno cominciato ad acquistare sempre di più sul web. Tuttavia, con il nascere di nuovi e-commerce, anche la competizione ha subito una notevole crescita, spingendo le aziende a ideare sempre nuove strategie per riuscire a restare sulla cresta dell’onda.

Il 2022 sarà un anno in cui tutte le aziende mireranno a consolidare i risultati dell'e-commerce, attraverso esperienze sempre più personalizzate e integrando le nuove tecnologie, le quali dovranno necessariamente essere messe al centro delle proprie strategie di business.

Le vendite globali online di prodotti di largo consumo stanno crescendo quattro volte più velocemente delle vendite offline. Si stima che le vendite globali totali raggiungeranno i 400 miliardi di dollari americani entro il 2022. Il Report Nielsen identifica alcuni dei principali fattori che traineranno la crescita dell’e-commerce nel largo consumo in futuro, tra cui:

  • Dimensioni del mercato, penetrazione dei conti correnti bancari, penetrazione di Internet, penetrazione degli smartphone;

  • Fattori di crescita macroeconomica: facilità di fare impresa, densità di popolazione, affidabilità dei servizi postali;

  • Fattori di crescita sociale: fiducia dei consumatori, cultura del risparmio;

  • Fattori di crescita dell’offerta: maturità degli operatori dell’e-commerce nel largo consumo.

Nel 2022 saprà distinguersi chi riuscirà a seguire la corrente di questi trend, rivoluzionando il proprio business in base alle specifiche esigenze del settore in trasformazione.


L'e-commerce in Italia è in continua crescita

Negli anni che verranno, la web-economy avrà un valore sempre maggiore rispetto ai settori economici tradizionali. Anche noi italiani ci siamo spostati sempre di più sul canale digitale, ed è così che la crescita dell’e-commerce nel prossimo futuro sarà caratterizzata da una velocità esponenziale rispetto alle aziende tradizionali, anche nel nostro paese. Per queste ragioni, sia le grandi e medie imprese sia quelle più piccole e perfino i professionisti stanno puntando sull’online, rendendosi sempre più conto che le opportunità di visibilità aumentano sul web, e che queste sono accessibili con investimenti alla portata di tutti.

Secondo il report annuale 2021 di Idealo, l’85% degli acquirenti digitali italiani ha effettuato, in media, almeno un acquisto online al mese, un valore più alto di 5 punti percentuali rispetto a quello registrato nel 2020. Il mercato digitale italiano è chiaramente dominato dagli acquirenti abituali: 5 su 6 acquistano online almeno una volta al mese, il 61,1% del campione, a cui va aggiunta la percentuale del 23,9%, che rappresenta coloro che acquistano almeno una volta a settimana (acquirenti intensivi). Il 15,0% degli intervistati, infine, ha dichiarato di fare shopping online una volta ogni trimestre o meno (acquirenti sporadici).

Inoltre, in base a un sondaggio simile commissionato a giugno 2020 riportato all’interno del report, le ragioni di maggiore utilizzo di piattaforme online per lo shopping sono molteplici:

  • Comparare i prezzi (39,0%)

  • Raccogliere informazioni su un prodotto specifico (14,5%)

  • Leggere le opinioni degli utenti (14,2%)

  • Comparare i prodotti (13,9%)

  • Comparare opzioni e tempi di consegna (12,3%)

  • Ottenere una panoramica sui prodotti di una categoria specifica (12,2%)

  • Ottenere una panoramica sui negozi che vendono un prodotto specifico (10,2%)

  • Confrontare le offerte di negozi fisici con quelle online (9,7%)

  • Leggere le opinioni di esperti (8,9%)

  • Osservare l’andamento dei prezzi (8,6%)

  • Comparare opzioni di pagamento (7,1%)

  • Leggere i risultati dei test (5,5%)


Sono cambiate le nostre abitudini di acquisto, e quindi anche quelle dei vostri clienti

Il report annuale di Idealo dichiara che il 30,3% di chi prima acquistava offline, adesso compra i prodotti solo online. Il 52,7% mostra un comportamento di acquisto in parte online e in parte offline. Il 17% continua a cercare i prodotti online per poi comprarli esclusivamente nei negozi fisici.

In Italia, il peso delle ricerche online effettuate da uomini è pari al 64,1%, mentre quello delle donne si attesta al 35,9%. Un altro aspetto interessante è quello relativo alle fasce d’età. Nel nostro paese, i consumatori tra i 35 e i 44 anni sono quelli predominanti e rappresentano il 25% del totale, seguiti dai 25-34enni (24,6%) e dai 45-54enni (16,9%). Gli over-65, pur non essendo nativi digitali, hanno comunque vissuto un avvicinamento al mondo dell’e-commerce, facendo crescere il numero di ricerche online.


In Italia lo shopping online è sempre più “mobile”

Due consumatori italiani su tre utilizzano lo smartphone per lo shopping online e per la comparazione prezzi. In particolare, ecco i dati ricavati dalle intenzioni di acquisto sul portale italiano di Idealo: 64,7% da smartphone, 30,3% da PC o laptop e 5,0% da tablet.


E-commerce: i 3 principali vantaggi per le piccole e medie imprese


Riduzione dei costi di gestione

Grazie all’e-commerce, la riduzione o in alcuni casi il totale annullamento dei costi di gestione è uno dei principali vantaggi che la vostra impresa dovrebbe tenere in considerazione. La presenza online permetterebbe alla vostra attività non solo di essere maggiormente visibile, ma anche di riuscire ad attingere ad un più ampio bacino di clienti.

Per impedire il sovrasto da parte di colossi come Amazon, Alibaba o eBay, che puntano sempre di più su affidabilità e prezzi competitivi, le PMI locali puntano sull’innovazione digitale. L’innovazione digitale riesce a fornire importantissimi strumenti. Uno di questi è l’ottimizzazione dei processi attraverso l’automatizzazione, anche questa permettendo alle vostre aziende di ridurre notevolmente i costi di gestione.


Offerta di servizi, non solo prodotti, che aumenterà il tasso di fidelizzazione dei vostri clienti

I benefici dell’e-commerce riscontrabili per le PMI, si riflettono poi in benefici riscontrabili dai vostri consumatori, i quali usufruiscono quotidianamente di svariati servizi. Di primaria importanza il fattore comodità, per cui è sufficiente acquistare qualunque prodotto dal proprio smartphone, tablet o pc, per poterlo ricevere direttamente presso la propria abitazione. Inoltre, questo permetterebbe ai vostri clienti di risparmiare tempo (un elemento che acquisisce sempre maggior importanza nelle nostre vite), dandogli l’opportunità di poter scegliere una modalità di acquisto che gli faccia perdere meno tempo possibile, sia che essi davvero non ne abbiano, sia che solamente non abbiano voglia di sprecarne di più su una modalità di acquisto tradizionale.

La fidelizzazione sarà il premio e il risultato di questa strategia digitale pensata ad hoc per l’e-commerce.


La vendita non si ferma mai. Il servizio attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e senza limiti geografici

Cosa significa offrire un servizio che non si disattiva mai? Semplicemente, significa moltiplicare le vendite e riuscire a raggiungere un bacino di clienti sempre più vasto. L’utente può acquistare sul vostro sito a qualsiasi ora della giornata e da qualsiasi luogo, per un’esperienza di acquisto più ottimizzata e conveniente. In aggiunta, può raccogliere informazioni sui prodotti, prezzi e disponibilità in qualsiasi momento.

Voi, d’altra parte, potete gestire l’e-commerce da casa, dal lavoro o dal luogo più comodo senza restrizioni di alcun tipo e con un enorme risparmio su tempo e denaro. Le barriere geografiche e temporali non saranno più un problema per le vostre attività di business.


Come reagire?

Sicuramente, scegliere di creare un proprio web shop è una scelta delicata. Tanti fattori sono essenziali da prendere in considerazione: gli obiettivi e le necessità della vostra azienda, i bisogni, desideri e le caratteristiche dei vostri clienti, ma anche, e azzarderei dire soprattutto, il funzionamento del vostro modello di vendita. (Per ulteriori approfondimenti leggi qui: Come scegliere il web shop perfetto (infominds.eu)).

La soluzione e-commerce che dovreste avere deve risultare facile e intuitiva sì per i vostri utenti, ma anche e soprattutto per voi e per la gestione che dovrete dedicarci. Il Webshop di INFOMINDS rappresenta una soluzione semplice, veloce ed economica. Moderno, utilizzabile agilmente tramite qualsiasi dispositivo e disponibile in tre lingue (italiano, tedesco e inglese).

Potrebbe essere la vostra occasione non solo per non rimanere schiacciati dai vostri competitors, ma anche per poter creare una strategia vincente attraverso l’automatizzazione dei processi standard, permettendo al vostro fatturato di aumentare e ai vostri costi di diminuire.


Per non riempirvi solo di parole, ve lo mostro direttamente in un video!

Buona visione!








Comentários


bottom of page