top of page

INFOMINDS Novità

Cockpit, KPI e tabelle Pivot: come funziona Radix+

Radix+ è il software di nuova generazione che utilizza KPI, cockpit e le tabelle Pivot per gestire in modo veloce e semplice i problemi e le operazioni quotidiane. Scopriamo insieme nel dettaglio come funziona e che cosa lo rende unico!

Radix+, il software di nuova generazione

Definire Radix+ come software di nuova generazione non è una semplice frase ad effetto: viene definito così perché si differenzia da Radix 2.0 per il suo funzionamento e per la gestione dei processi.

In questo post analizzeremo nel dettaglio alcuni nodi cruciali e importanti per capirne al meglio il funzionamento e le potenzialità per la vita aziendale: dall’amministrazione, passando per i commerciali, fino a rendere molto più snella anche l’attività dei tecnici che sono sempre in uscita e continuo movimento tra un cliente e l’altro.

Un software gestionale che va oltre la definizione da “dizionario” e si pone in modo diretto e chiaro al fianco degli utilizzatori di tutti i giorni: i collaboratori dei differenti reparti operativi e di gestione.


KPI: i punti chiave da tenere sempre monitorati

I KPI (acronimo inglese che significa letteralmente Key Performance Indicators) sono elementi importantissimi per misurare e controllare al meglio l’andamento delle nostre attività. Diventa fondamentale individuare gli indicatori giusti (non troppi ma nemmeno troppo pochi) che in Radix+ vengono monitorati ed evidenziati in modo da renderli immediatamente leggibili.

In questo modo sarà più semplice capire immediatamente quali sono i punti critici o gli aspetti con andamento positivo. Grazie a Radix+ è possibile scegliere quali KPI monitorare con attenzione e visualizzarli ogni giorno con estrema precisione.


Cockpit: la partenza e l’arrivo

Il cockpit è il punto di partenza di Radix+: potremmo definirlo, con una metafora automobilistica, un cruscotto interattivo. Non è una banale panoramica perché non si compone semplicemente di una visione passiva di informazioni ma è possibile proprio da qui partire e cominciare a eseguire operazioni.

Il cockpit è personalizzabile e ogni utente può avere a disposizione informazioni diverse; sono composti dai widget che possono essere ingranditi o zoomati per occupare lo schermo intero e visualizzare nel dettaglio le informazioni. È importante che i diversi collaboratori possano visualizzare solo i dati utili alle proprie attività lavorative giornaliere, in modo tale da mantenere informazioni sensibili consultabili solo da alcuni utenti selezionati.

Ma il cockpit diventa anche una vera e propria scorciatoia per le principali funzionalità: un vero e proprio punto di partenza per cominciare ad essere operativi con un semplice click.

Il cockpit sarebbe anche un punto di arrivo? Sì, lo è in quanto raccoglie tutti i dati aggiornati delle varie sezioni, dunque, è anche un riassunto in costante cambiamento.

Il cockpit è, in sintesi, uno strumento potentissimo che all’interno di Radix+ apre le porte all’operatività di ogni giorno.


Le tabelle Pivot: uno strumento facile e preciso

Le tabelle Pivot permettono di aggregare dati, in righe e colonne e sono uno strumento già conosciuto per gli utilizzatori di Excel.

In questo modo l’analisi e la raccolta delle informazioni diventa semplice e immediata: con pochi click è possibile fare statistiche e visualizzare le informazioni di interesse sempre aggiornate. In Radix+ le tabelle Pivot sono lo strumento analitico e di visualizzazione dettagliata delle informazioni: il punto di partenza per chi si occupa dell’amministrazione.


Uno strumento innovativo

Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti, Radix+ è davvero uno strumento innovativo nelle logiche e nelle funzionalità che lo compongono.

È pensato per aiutare le persone ogni giorno, rendendo più snelli i processi, analizzando in modo preciso i dati e mettendo ordine nelle analisi e nei report. Con il supporto delle App permette anche l’aggiornamento costante da parte dei colleghi che svolgono interventi dai vari clienti o che lavorano in movimento.


Kommentare


bottom of page