top of page

INFOMINDS Novità

Millennial e Generazione Z scelgono prodotti e servizi sostenibili

Sostenibilità: una parola che sentiamo pronunciare molto spesso ma che, qualche volta, sembra un’utopia distante dalla vita quotidiana. Le ultime analisi svolte sul target dei più giovani, la cosiddetta Generazione Z e i Millenial, dimostrano in modo concreto come le scelte dei consumatori si baseranno sempre più su questo valore.


Sostenibilità: un fenomeno trasversale

La sostenibilità, soprattutto per i Millenial e la Generazione Z, è un valore che viene cercato nei diversi ambiti di consumo, dalla moda all’alimentazione, fino a scelte più a lungo termine come automobili e abitazioni.

Secondo un articolo uscito per La Repubblica online i giovani sono molto preoccupati per l’ambiente e per il loro futuro. Scelgono quindi consapevolmente prodotti che dimostrano di prestare attenzione al rispetto per l’ambiente, alle risorse limitate e alla tutela dei propri lavoratori.

Sono disposti anche a pagare un prezzo più alto per i singoli prodotti, pur di diminuire l’impatto dei propri consumi e stile di vita sulla collettività e sull’ambiente.

Nei Paesi emergenti come Messico e India questa attenzione a compiere scelte consapevoli è ancora più marcata rispetto a Stati Uniti, Germania e Francia.

In generale, i più giovani hanno uno sguardo disincantato sul futuro, compiono scelte più etiche, sono consapevoli della impellente necessità di politiche più restrittive (rispetto a quanto fatto finora da governi e organismi internazionali) relative alla regolazione dei consumi.

Una scelta che comporta delle responsabilità importanti, a livello individuale e collettivo.


Greenwashing e scetticismo

Una tendenza pericolosa è quella del cosiddetto “greenwashing” ossia un ecologismo di facciata, strategia spesso adottata da aziende anche di grandi dimensioni come le multinazionali, che cercano di apparire attente e proattive verso le tematiche di sostenibilità: ambiente, società ed economia per ingannare la fiducia dei consumatori. La realtà dei fatti di queste aziende è, purtroppo, molto diversa ma il tentativo è quello di cavalcare l’onda di ciò che viene considerato un valore importante per i giovani, ossia la sostenibilità.

In un mondo sempre più bombardato da messaggi contrastanti e persistenti, provenienti da aziende e macro/micro influencer, le nuove generazioni sono molto attente a non subire il fascino seducente e facile del greenwashing andando, invece, a ricercare da diverse fonti informazioni super partes rispetto a prodotti e brand che vorrebbero acquistare.

Questo scetticismo di fondo e la costante ricerca di informazioni da più fonti “neutrali” e oggettive, rende questa fascia di consumatori molto più consapevole e determinata a rispettare i propri valori.

Millenial e Generazione Z sono i target più allettanti (per il potere e l’influenza d’acquisto) per le aziende: diventa, dunque, importante per quest’ultime l’ascolto e l’adeguamento a queste nuove modalità di acquisto.


Office Automation e sostenibilità

Quando si parla di tematiche relative alla stampa gestita si pensa sempre al consumo di carta e alla tendenza a controllare in modo serrato questo aspetto, anche con software dedicati al conteggio copie per ogni lavoratore che utilizza la stampante. La carta è un bene prezioso, da utilizzare con intelligenza: sono disponibili ormai da qualche anno anche formati di carta riciclata o certificata FSC® per la stampa in ufficio.

Oltre alla questione relativa alla scelta della carta, però, è importante ricordare l’altro grande protagonista: l’inchiostro. Negli ultimi anni sono stati realizzati inchiostri che puntano alla sostenibilità, su tre assi principali: meno tossicità, lavabili ed eco-friendly (senza petrolio).

In particolare, gli inchiostri lavabili facilitano il successivo processo dedicato al riciclaggio della carta stessa, instaurando un circolo virtuoso di riutilizzo delle risorse.


L’ufficio del futuro

Nel prossimo futuro ci immaginiamo i nostri uffici con processi automatizzati e digitalizzati, nei quali sarà possibile controllare e gestire correttamente anche i consumi, in un’ottica sostenibile e green.

Le nuove generazioni, come abbiamo ampiamente descritto finora, giocheranno un ruolo importante e decisivo nello spingere con ancora più energia e forza le aziende e imprese verso scelte consapevoli, definendo impegni concreti nel realizzare un “luogo di lavoro” diverso e migliore.

Sarà necessaria la partecipazione di tutti gli attori, dal manager al nuovo assunto, perché solo grazie alla collaborazione e definizione di obiettivi condivisi si potranno raggiungere nuovi obiettivi, cogliendo le sfide, ormai imminenti, del futuro.




Comments


bottom of page