top of page

La pianificazione e la programmazione nell'edilizia

Per avere un’azienda di successo bisogna considerare di vitale importanza la pianificazione e la programmazione dei lavori, con i relativi sistemi di controllo. Questi aspetti sono fondamentali per poter concretizzare la realizzazione degli obiettivi e sono la prima fase della gestione edilizia.

Che cosa significa pianificare e programmare in edilizia?

Nel dettaglio, gli aspetti principali sono seguenti:

Pianificazione: consiste nel decidere quando iniziare, eseguire e completare ogni attività, determina, imposta e articola gli obiettivi del progetto. Approfondisce i dettagli di come il progetto raggiungerà i suoi obiettivi strategici e se è in grado di farlo. I team di costruzione valutano se hanno le risorse di cui hanno bisogno per raggiungere gli obiettivi strategici, identificano eventuali carenze e cercano soluzioni per coprire tali carenze. 

Programmazione: definisce il piano operativo in base a una tempistica, inclusa la data di completamento, consiste nell'assegnare le persone, i compiti relativi al progetto e garantisce di completare la realizzazione secondo i requisiti e i parametri di prestazione impostati durante la fase di pianificazione.

L’importanza di soddisfare i requisiti di pianificazione e programmazione determina e facilita la fase di controllo e migliora la gestione del budget nel rispetto dei requisiti contrattuali.


Obiettivo dei pianificatori edili

Gli obiettivi della pianificazione edilizia sono gli stessi per tutti i progetti: i costruttori e i proprietari si sforzano di soddisfare i requisiti di costi, tempistiche, qualità e sicurezza. Il processo di pianificazione edilizia rende chiare anche le responsabilità dei proprietari e dei costruttori, gettando le basi per una forte comunicazione e un migliore lavoro di squadra.

Nel processo di pianificazione edilizia, l’impostazione del master plan edilizio comprende tre tipi di pianificazione: pianificazione strategica, pianificazione operativa e programmazione


Fasi della pianificazione edilizia

Le fasi della pianificazione sono molteplici ma di fondamentale importanza sono:

  • La selezione di un progettista: questi professionisti offrono servizi che servono a realizzare l’opera definendo in accordo con il committente l’obiettivo progettuale ed il budget. Lo scopo del progettista è di ottenere le autorizzazioni dagli organi competenti necessari alla realizzazione dell’opera. Inoltre predispone i progetti esecutivi, computa le opere da realizzare e predispone i documenti necessari per ottenere le preventivazioni dagli appaltatori. Infine in fase di realizzazione se indicato come direttore lavori controlla il rispetto del progetto nella realizzazione dell’opera e controlla il rispetto del budget preventivato.

 

  • La selezione della impresa appaltatrice: è una fase complessa, in cui ci può essere un'unica impresa affidataria per la realizzazione dell’opera, la quale poi si avvale di subappaltatori per le opere che non realizza direttamente oppure più imprese che intervengono nella realizzazione per compiti definiti chiaramente nel progetto. Se concorrono più imprese per ottenere l’appalto, l’aspetto determinante per la scelta può essere la miglioria per ribassare i costi o per aggiungere un valore all’immobile compreso nella stima preventivata.


Obiettivo della programmazione edile

La programmazione assume la responsabilità di assicurare la realizzazione dell’opera secondo quanto previsto nella pianificazione.

Per questo un appaltatore dovrà assicurarsi i seguenti parametri:

  • Rispettare i tempi previsti nella pianificazione

  • Valutare le risorse necessarie per la realizzazione

  • Programmare e valutare attentamente i costi

  • Definire le procedure di realizzazione

  • Definire le modalità di controllo dell’opera.

 

Fasi della programmazione in edilizia

Per sviluppare la programmazione l’impresa deve riuscire a proporre una proposta operativa con una gestione economica interna che permetta di avere sotto controllo la gestione delle spese e conoscere i flussi economici in entrata.


Per questo il diagramma Gantt serve a controllare i tempi ma anche ad individuare i flussi economici necessari per la realizzazione di un’opera.

Altro strumento necessario è la creazione di una struttura analitica del progetto, le WBS, con il quale si può ottenere la scomposizione analitica di un progetto in sotto parti elementari.


La logica della WBS è appunto quella di organizzare il lavoro in cantiere isolandone gli elementi per renderli più facilmente gestibili singolarmente. La WBS rende meno complessa la comprensione generale del progetto stesso e permette quindi di comunicare a tutti i soggetti coinvolti (stakeholder e intercettori) le singole fasi di lavoro e le attività da svolgere per il raggiungimento di un obiettivo: il completamento del cantiere.

 

La WBS non si limita a rendere più comprensibile la realizzazione di un progetto altrimenti complesso. La scomposizione gerarchica in sottolivelli di un progetto permette anche (o forse, soprattutto) di controllare l’avanzamento del progetto stesso. La capacità attraverso la WBS di poter suddividere con precisione organizzata il progetto in pacchetti di lavoro più piccoli, comporta il beneficio per rendere il progetto facilmente controllabile per tutti i partecipanti alla realizzazione.

 

 

I vantaggi digitali nel controllo della pianificazione e programmazione

La pianificazione e la programmazione non ha nessun effetto positivo se non è adeguatamente supportato da un processo di controllo.

Il controllo necessita, innanzitutto, di una archiviazione completa del ciclo di vita del cantiere.


Con ERGO si possono archiviare i documenti nella giusta cartella di lavoro senza ulteriori passaggi di mano e renderla disponibile a chiunque vogliamo.

L’utilizzo di ERGO ci consente di predisporre i documenti necessari e richiesti nella gestione del controllo della pianificazione e nel rispetto della programmazione.

 

La raccolta di dati in ERGO permette di utilizzare le informazioni, secondo le necessità che ci vengono richieste e nello stesso tempo consente di controllare e gestire l’appalto.

La pianificazione edilizia condivisa con una programmazione efficace definisce il ritmo dei lavori e le attività da completare, assicurando che il progetto venga portato a termine nei tempi previsti, nel rispetto del budget e della soddisfazione del cliente.

Mauro Pasore architetto e consulente pianificazione edilizia

.

Comentarios


bottom of page